About

The webinar aims to examine the dynamics of jihadist radicalization in the Sahel region. A situation whose effects also affect migration flows towards the Mediterranean area. The analysis will be carried out by various experts of the central African area and by international operators and institutions that have been working in that context for many years.

In particular, the afternoon panel will reflect on what synergies and forms of collaboration can be established in the future between the PriMED network and these social actors in the spirit of Third Mission which inspires the university system.

Subscribe to workshop for students

december, 2021

 

Workshop stream

FIRST SESSION

streaming will start in:

Days
Hours
Minutes
Seconds

SECOND SESSION

10:00 – 10:30 (Rome)

Opening ceremony

SERENA QUATTROCOLO

Director of the Department of Law, Political, Economic and Social Sciences
DIGSPES
University of Eastern Piedmont – Italy

EMILIA GATTO

Italian Ambassador to the Republic of the Niger

ARMANDO BARUCCO

Italian Ambassador to the Kingdom of Morocco

MAMADOU SAÏDOU

Rector of the University of Niamey – Niger

10:30 – 13:30 (Rome)

First Session

The problem of Islamist radicalization in the sub-Saharan area.
Analysis and contrast strategies.

Chair

Partecipants

OMAR HALLI

Advisor to the Director General of the Federation of Universities of the Islamic World – FIUW
Morocco

ABBAS ABAKAR ABBAS

University of N’Djaména
Tchad

BA BOUBACAR

Center for Analysis on Governance and Security in the Sahel – ONG Eveil
Mali

SEYNI MOUMOUNI

University Abdou Moumouni
Niamey
Niger

AÏCHA MACKY

Author of the documentary film “Zinder”
Niger

14:30 – 18:00 (Rome)

Second Session

Prevention strategies for the future in the perspective of the PriMED network.
What could a network of universities do?

Chair

Partecipants

EMANUELA DEL RE

Special Representative for the Sahel
European Union

ALESSANDRA MORELLI

Former Head of the High Commission for Refugees – UNCHR
Niger

DANIELE ALBANESE

Referent for Humanitarian and University Corridors
Italian Caritas

OLIVIERO FORTI

Head of the Office for Migration Policies and International Protection
International Caritas

OUEUHI EDWIGE JACQUELINE GUE

Education Officer, Protection – UNCHR
Niger

Scientific coordination

Invitations

Ezio Gaetano – Counter International Extremism and Terrorism Service – Head of Internatinal Relations Division – Ministero dell’Interno
Tiziana Motta – Consorzio TOP-IX - Internet Exchange
Michele Brunelli - Università di Bergamo

Scuola di Polizia di Alessandria
Divisione Investigazioni Generali e Operazioni Speciali - Digos
Procuratori di Torino

Mondo associativo
Leader comunità musulmane

Tutta la Rete Primed
Studenti della Rete PriMED
Studenti Master di Bergamo

PriMED project

BRIEF DESCRIPTION OF THE PRIMED PROJECT - FINANCED BY THE MUR – THREE YEAR DURATION

The PRIMED project, Prevention and Interaction in the Trans-Mediterranean Space, addresses, in an interdisciplinary perspective, the cognitive and operational needs connected to the integration processes in Italy and the fight against radicalization, around three axes:

  1. Scientific cooperation between Italy and OCI countries on the issues of integration and radicalization, through the establishment of an inter-university network of students, researchers and teachers, inspired by the Learning by sharing model (12 ITALIAN AND 10 FOREIGN UNIVERSITIES) *;
  2. Training of the actors of integration policies and fight against radicalization operating in local authorities, prefectures, penitentiary administration and state police, schools, social and health structures and in the economic field;
  3. Training of religious leaders, imams and murshidat, for a fruitful integration of their functions in Italy.

* Italian Universities: University of Eastern Piedmont; University of Padua; University of Insubria; University of Turin; University of Ferrara; University of Milan; University of Milan Bicocca; Catholic University of the Sacred Heart of Milan; University of Rome 3; University Campus Link; LUM; University of Bari “Aldo Moro”.

Foreign Universities of OCI Countries: Cairo University (Egypt); Mohammed V University of Rabat (Morocco); University of Tunis-Carthage (Tunisia); International University of Rabat (Morocco); Hassan II University of Casablanca (Morocco); Sultan M. Slimane University of Beni Mellal (Morocco); University Saint-Joseph of Beirut (Lebanon); University of Abéché (Chad); Ziane Achour University of Djelfa (Algeria); Abdou Moumouni University of Niamey (Niger)

The PRIMED Project is characterized by the distinguished and consolidated experience of research and of international and institutional cooperation, in the specific themes of the call, of the involved universities.
Among others, the following should be noted:

  1. The establishment of the FIDR – International Forum for Democracy & Religions – Interuniversity Research Center, which today brings together twelve Italian Universities (University of Eastern Piedmont, State University of Milan, Catholic University of the Sacred Heart of Milan, University of Milan Bicocca, University of Insubria, University of Padua, University of Turin, University of Ferrara, University of Bari “Aldo Moro”, LUM, University of Rome 3, University of Rome “La Sapienza”);
  2. The three-year experience (2010-2013), within the FIDR actions, of the project “New religious presences in Italy. A path of integration”, financed by the Compagnia di San Paolo in collaboration with the Ministry of the Interior and focused on the civic and civil training of the leaders of Muslim associations in Italy;
  3. Training of stakeholders and representatives of Muslim communities (Padua – Eastern Piedmont);
  4. The Master in European Islamic Studies and training for imams and Murshidats and ministers of worship working in the prison context (Padua-Eastern Piedmont);
  5. The Master in Terrorism, Prevention of Radicalization and Interreligious and Intercultural Integration (University of Bari “Aldo Moro”)
  6. The Research projects on radicalization processes of the Universities of Padua, Cattolica of Milan and Padua, Rome 3, Turin, Link Campus University;
  7. The REDESM Center – “Religions, Rights and Economies in the Mediterranean Space” (University of Insubria), on juridical-economic cooperation with OCI countries;
  8. The double degree course of the University of Turin with the Université Mohammed VI of Rabat (Morocco)
  9. The participation of scholars from partner universities in the Commission of the Presidency of the Council on radicalization and in the Council for Italian Islam of the Ministry of the Interior.

Brochure

Contact

Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali-DiGSPES Università degli Studi del Piemonte Orientale E-mail: [email protected]
Indirizzo: Via Camillo Cavour, 84, 15121 Alessandria AL, Italia 

Torna su

DANIELE NEGRI

 

Daniele Negri è professore ordinario di Diritto processuale penale presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Ferrara, del quale è attualmente Direttore. Componente del collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Diritto dell’Unione Europea e ordinamenti nazionali, è stato coordinatore del Dottorato di ricerca in Comparazione giuridica e storico-giuridica. Dopo la Laurea in Giurisprudenza (Università di Ferrara, 1995) ha ottenuto il Dottorato di ricerca in Diritto processuale penale presso l’Università di Bologna (1999). È stato ricercatore ospite presso il Max-Planck-Institut für ausländisches und internationales Strafrecht (Germania), Visiting Professor presso l’Université de Franche-Comté (Francia) e Docente Erasmus nella Universidad de Castilla-La Mancha (Spagna). Ha preso parte, oltre che a numerose ricerche nazionali, a ricerche internazionali sul mandato d’arresto europeo, l’acquisizione della prova nello spazio giudiziario europeo, l’accesso al giudice, il sovraffollamento carcerario, le relazioni tra l’Ufficio europeo per la lotta antifrode e le agenzie investigative nazionali, la confisca, la lotta contro il terrorismo internazionale. Autore di due monografie (Fumus commissi delicti. La prova per le fattispecie cautelari, 2004, e La presenza dell’imputato al processo, 2012) e di numerosi altri scritti. Nella produzione scientifica più recente si è dedicato, fra gli altri temi, al principio di legalità processuale. Coautore del manuale Fondamenti di procedura penale, 2019, curatore di volumi collettanei (tra i quali, Investigating European Fraud in the EU Member States, con A. Bernardi, 2017; Le erosioni silenziose del contraddittorio, con R. Orlandi, 2017; Nuovi orizzonti del diritto alla difesa tecnica. Un itinerario tra questioni attuali e aperture del quadro normativo, con P. Renon, 2017; Diritti individuali e processo penale nell’Italia repubblicana, con M. Pifferi, 2011; Protezione dei dati personali e accertamento penale. Verso la creazione di un nuovo diritto fondamentale?, 2007). Condirettore della collana Collezione di Giustizia Penale. Componente del comitato scientifico delle riviste Archivio penale, La legislazione penale, Diritto penale XXI secolo, Diritto penale e Uomo, nonché delle collane Studi di Giustizia penale e Giustizia penale attuale. Membro della redazione della rivista Criminalia.

Contact

ALESSANDRO FERRARI

Alessandro Ferrari, è professore ordinario all’Università degli Studi dell’Insubria (Varese e Como) dove insegna Diritto ecclesiastico, Diritto comparato delle religioni e Religioni e diritti nelle società multiculturali. E’ direttore, presso la medesima Università, del Centro di ricerca “REligione, Diritto ed Economia nello Spazio Mediterraneo” (REDESM). È membro dello steering committee dell’International Consortium for Law and Religious Studies (ICLARS), membro associato del gruppo di ricerca CNRS “Sociétés, Religions, Laïcités” (GSRL – Cnrs-EPHE V Séction), del Centre Prisme “Politique, Religion, Institutions et Sociétés – Mutations Européennes” dell’Université de Strasbourg e della Piattaforma universitaria per la ricerca sull’Islam in Europa e in Libano (PLURIEL) presso l’Université Catholique de Lyon. È stato visiting fellow presso l’Islamic Legal Studies Program dell’Università di Harvard (2019); Directeur d’Etudes invitato all’Ecole Pratiques des Hautes Etudes di Parigi (2018); “Roberta Buffett” visiting professor presso la Northwestern University, Evanston (IL) (2014-2015). Fa parte della redazione del Brill Research Perspectives in Law and Religion, della redazione del n. 1 dei «Quaderni di diritto e politica ecclesiastica» edito dal Mulino, Bologna e del comitato consultivo internazionale del «British Journal of Religious Education».
Dal 2011 fa parte dei tavoli e consulte per i rapporti con l’Islam italiano istituiti presso il Ministero degli Interni.
I suoi più recenti interessi di ricerca e pubblicazioni si concentrano sui temi della libertà religiosa in Europa e nello spazio mediterraneo, con particolare attenzione ai Paesi a maggioranza musulmana. Il suo ultimo libro è Religions and Constitutional Transitions in the Muslim Mediterranean. The Pluralistic Moment (curato con James Toronto), Routledge, Abingdon-New York, 2017.

Contact

ROBERTO MAZZOLA

 

Professore ordinario di Diritto Ecclesiastico europeo e Diritto interculturale presso l’Università del Piemonte Orientale; membro del Comitato scientifico del Forum internazionale ed europeo sull’immigrazione (FIERI) (www.fieri.it);direttore del Forum Internazionale Democrazia&Religioni – FIDR e membro dal 2010 del Comitato scientifico del Master internazionale in Studi sull’Islam d’Europa – Università di Padova. Responsabile del n. 1 dei QDPE e membro della redazione scientifica della Rivista e membro dell’ European Consortium for Church and State Research. Dal 2018 è membro della redazione scientifica della Rivista: Galileu. Revista de Derieto ed economia dell’Università autonoma di Lisbona. Nel 2018 p stato nominato Responsabile scientifico del Progetto internazionale: Prevenzione e Interazione nell’area Trans.mediterranea ( PriMED )

Contact

ENRICA MARTINELLI

 

Enrica Martinelli ha conseguito la Laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Ferrara con la votazione di 110 sopra 110 e la lode; ha conseguito, con giudizio ottimo, il titolo di Dottore in Discipline Canonistiche presso l’Università degli Studi di Torino; ha conseguito il Diploma di Avvocato Rotale presso lo Studio del Tribunale Apostolico della Rota Romana; ha ottenuto la conferma nel ruolo dei ricercatori universitari presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell’Università degli Studi di Ferrara, per il SSD IUS 11, in data 8 luglio 2005; ha conseguito, nel luglio 2018, l’Abilitazione Scientifica Nazionale come professore di II fascia per il SSD IUS 11 e nell’agosto 2019 è stata chiamata dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Ferrara a ricoprire tale ruolo. Dall’Anno 2006 al 2010 è membro italiano del progetto approvato e finanziato dalla Commissione Europea “European Studies on the interaction Religion and State” EuReSis NET (European studies on Religion and State interaction). Dall’Anno 2016 fa parte del Consiglio Scientifico del Centro Interuniversitario Culture, Religioni e Diritti – Forum Internazionale Diritto&Religioni (FIDR). Dall’Anno 2017 è membro della Redazione del n. 1 della Rivista Quaderni di Diritto e Politica Ecclesiastica, (rivista in fascia “A” per l’area scientifico-disciplinare 12 c 2), edita da Il Mulino, Bologna. Dal 2013 è coordinatore e responsabile scientifico di un progetto di ricerca, ammesso al finanziamento da soggetto estero profit, sul tema “Diritto comparato delle religioni”. Dal novembre 2018 è referente scientifico per l’Università degli Studi di Ferrara del Progetto PriMED.

Contact

MOUNYA ALLALI

 

Mounya Allali, dottoranda in Scienze Humani presso l’Università Rovira di Tarragona, in cotutela con l’università Mohammed V di Rabat in Marocco. Ha conseguito un Master in Gestione delle Politiche Sociali e Comunicazione presso l’Università Carlo Bo, e un Master interuniversitario in Studi sull’Islam in Europa presso l’Università di Padova e l’Università del Piemonte orientale. È Coordinatrice Master internazionale in Religion, Politics and global Society in collaborazione con l’Università Internazionale di Rabat e l’Università di Padova e l’Università del Piemonte Orientale. Ha coordinato il Master Inter universitario (tre edizioni)(2017/2018/2019) in Religions, Politics and Citizenship, dell’Università del Piemonte Orientale-Università, e dell’Università degli studi di Padova, in collaborazione con l’instituto de Investigaciones y Estudios Superiores de Granada, è membro dell’assemblea scientifica del Centro Interuniversitario Forum Internazionale Democrazia & Religioni – FIDR. Attualmente svolge l’attività di sostegno al responsabile e al co-responsabile scientifici del progetto “Prevenzione e Interazione nello Spazio Trans-Mediterraneo – PriMED” nelle attività di coordinamento della rete e della gestione scientifico-amministrativa” (Progetto PriMed CUP C35B18002040001) Tra le sue pubblicazioni:
– Allali, M. (2019), “Il prezzo della rivelazione”, Edizione II, Al Rissala-Edizione Rabat
– Allali, M. (2018), “Il prezzo della rivelazione”, Edizione I, Gnosis-Edizione Parigi
– Allali, M. (2018), “Le anime non sono libere di amare”, Gnosis-Edizione Parigi

Contact

ROBERTA RICUCCI

Roberta Ricucci è professore associato di sociologia delle relazioni interetniche e di sociologia dell’islam al Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università di Torino.
E’ affiliata al Center for the Study of Religion and Society all’Università di Notre Dame (US), ricercatrice senior a FIERI e membro del network of excellence IMISCOE.
Studiosa di migrazioni nell’area mediterranea, è leader di numerosi progetti nazionali e internazionali.
Ha pubblicato in inglese e italiano su processi migratori, dinamiche di integrazione dei figli dell’immigrazione, percorsi di costruzione identitaria e religiosa.
Fra le sue pubblicazioni Second generations on the move in Italy (Lexington 2014); The New Southern European Diaspora (Lexington 2017).

Contact

MOHAMMED KHALID RHAZZALI

 

Mohammed Khalid Rhazzali, vice direttore del Centro Interuniversitario per la Cultura, Diritto e Religione-FIDR, è co-responsabile scientifico del progetto internazionale PriMED – Prevenzione e Interazione nello Spazio Trans-Mediterraneo”-ID 82382-2019/2021. Ricercatore associato all’Institut de Sciences Sociales des Religions Contemporaines de l’Université de Lausanne e responsabile scientifico dell’unità locale di Padova del progetto Eramus Plus Erasmus+ KA2, « Les trajectoires des diaspora turque et marocaine en Europe” (Capofila Université Saint-Louis (Bruxelles), è docente di «Sociologia della Religione» all’Università di Padova (I), dove co-dirige il Master in Studi sull’Islam d’Europa e il Master in Religions, Politics and Citizenship e coordina l’unità di ricerca locale del programma europeo «Transfer Radicalisation Approaches in Training (TRAin TRAINING) », cui capofila è il Ministero della Giustizia Italiano. Tra le sue pubblicazioni : L’islam in carcere (FrancoAngeli, 2010), The end of life from an intercultural perspective. Mediators and religious assistants in the health service. Italian Journal of sociology of Education (2014) Comunicazione interculturale e sfera pubblica (Carocci, 2015), Appréhension et expérience de la pluralité religieuse dans les prisons de Suisse et d’Italie, Revue Critique Internationale » (con Becci e Schiavinato 2016), I musulmani nelle società europee (a cura di, con Allievi e Guolo, Guerini e Associati 2017), Muslim Communities in a Catholic Country, In: Abe W. Ata, Jan A Ali (eds.), Islam in the West: Perceptions and Reactions (con Pace, Oxford 2018), Vicissitudini dell’Halal e i musulmani d’Italia: tra istituzioni e mercato, Quaderni di diritto e politica ecclesiastica (2019).

Contact

ANTONIO ANGELUCCI

 

Antonio Angelucci è laureato in giurisprudenza e dottore di ricerca in discipline canonistiche ed ecclesiasticistiche. Avvocato, insegna diritto ecclesiastico europeo all’Università degli Studi del Piemonte Orientale di Novara e diritto islamico alla Facoltà di Teologia di Lugano. Fa parte della Redazione di prestigiose riviste scientifiche e dei Comitati scientifici del FIDR e del PriMED, di cui è altresì Corresponsabile Organizzativo, Scientifico e Logistico per le Università degli Studi di Torino, Piemonte Orientale e Ferrara. Segretario del Centro di Ricerca “Religioni, Diritti ed Economie nello Spazio Mediterraneo”, partecipa a progetti di ricerca nazionali e internazionali. Si occupa, fra l’altro, di dialogo interreligioso, di associazionismo musulmano e di sanità e religioni ed è membro del Gruppo Islam dell’Ufficio Ecumenismo e Dialogo Interreligioso della Conferenza Episcopale Italiana. Vanta una copiosa produzione scientifica e importanti affiliazioni riconosciute a livello internazionale.

Contact

X